www.anatrieste.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Pellegrinaggio in Albania 2017

E-mail Stampa PDF

 golico 23Mi è stato proposto di andare in Albania, cosa ci vuole, basta attraversare l’Adriatico e siamo arrivati.

Non è un viaggio di piacere organizzato da un tour operator, ma da amici che sono dei profondi conoscitori della campagna italiana in Grecia.

L’Albania ti accoglie con un territorio verde e ondulato e costruzioni fatiscenti o cementi armati completati a metà. Le strade statali sono come le nostre provinciali e puoi trovare un gregge che bruca a bordo strada, tante pecore e capre, asinelli e qualche bovino.

La foto che ti resta è quella di uno stato pre-boom economico.

Il programma è un po’ vago, di certo si sa di una salita sul Golico; per noi triestini il desiderio è salire sul Mali Spadarit e Mali Scindeli.

Al campo base siamo giunti per due vie, i più temerari scendendo lungo i Balcani, gli altri con il traghetto da Ancona.

A cena si organizzavano le uscite del giorno successivo. Ognuno aveva dei desideri. Chi raccontava le esperienze di guerra di papà o del nonno, chi aveva letto resoconti o raccolto testimonianze di reduci e voleva vedere “sul terreno”.

Il primo giorno tutti salgono, un po’ sbuffando, sul massiccio del Golico. Arrivati in cresta ti prende la sconforto a pensare dove si sono contrapposti italiani e greci, su un terreno senza protezioni con tanti sassi e ciuffi d’erba. A quota 1630 m s.l.m. su un masso c’è una lapide a ricordo. Serrati i ranghi, si svolge la cerimonia ufficiale, i vessilli al vento, una prece per i nostri padri e su di noi volteggia un’aquila.

Per il giorno successivo si formano tanti gruppetti con interessi diversi; noi troviamo chi ci segue sul Mali Spadarit. Il campo base è molto distante e la via che sembra più breve è su e giù per strade sterrate. E’ stata un’avventura, con l’aiuto di uno del posto e mille informazioni raccolte per strada all’ultimo momento ci troviamo sulla “Tomba degli Italiani”. Siamo a circa mezz’ora dalla cima ma per oggi non si può pretendere un risultato migliore. Un momento di raccoglimento, la preghiera dell’Alpino, un fiore e siamo giunti fin qui per ricordare la nostra M.O. Silvano Buffa. Gli amici esperti ci fanno i complimenti per aver raggiunto un grande obiettivo; ci spiegano che per trovare il percorso del giorno prima hanno impiegato cinque anni!

A proposito di Golico, il terzo giorno andiamo a quota 1150 m s.l.m. dove Padre Generoso aveva sepolto nostri soldati lasciando una relazione ben dettagliata, ma che dopo settant’anni si sono persi i punti di riferimento.

Ultima scarpinata, il quarto giorno si sale sul Mali Scindeli. Raggiunta la cresta, ci riuniamo sulla punta nord; per noi triestini è l’occasione per ricordare la nostra M.O. Nicolò Giani con una breve cerimonia, un fiore e una prece.

L’ultimo giorno in Albania è stato dedicato ad un giro turistico seguendo a ritroso la Voiussa fino al ponte di Perati. Troviamo solo le teste di ponte, sulla sponda albanese visitabile e percorribile, la sponda greca è invece fagocitata dalla vegetazione.

La giornata si conclude a tavola; dopo cena iniziano le partenze, i primi ci salutano alle 22.

All’indomani ci attende un lungo percorso attorno al Pindo e poi alla sera il traghetto.

 

Paolo Mazzaraco

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna