www.anatrieste.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Alpin de Trieste Gennaio 2016

E-mail Stampa PDF

E' online il numero di Gennaio de l'Alpin de Trieste

184gen16

La copertin adel numero di Gennaio de L'Alpin de TRieste è dedicata alla convocazione dell'annuale assemblea dei Soci della Sezione e del Circolo Culturale Alpini

a Pag.2 ricordiamo il decimo anniversario della scomparsa di Ottavio Bomben, pittore molto affermato,  con una rassegna dei disegni che spesso realizzava per questo giornale.

Continuano i riconoscimenti, dopo ben 72 anni, dei Caduti sul Fronte Russo, della storia di uno di loro ci parla Livio Fogar a pag.6

A pag.8 Diego Capponi ci racconta una bella Storia di Alpini e Alpinità dal titolo  "La bara di Moggessa", ennesima testimonianza dell'integrazione tra Alpini e cittadinanza e dei valori che la vita e la Naja insegnavano ... ( quella volta !)

A pag.10 altro "ricordo" di Arrigo Curiel, questa volta ci racconta la storia di quanto avvenne a Mali Trebeschines.

A pag.12 Giorgio Micol ci parla del Raduno degli AUC del 41 Corso ad esattamente 50 anni dall'inizio della loro avventura ad Aosta .

Dopo i "Calci del Mulo" e i ringraziamenti del Presidente Fabio Ortolani ai Volontari di Protezione Civile che hanno prestato la loro opera per tenere aperto al pubblico il Sacrario di Oslavia e successivamente per l'assistenza ai rifugiati presso il capannone di via Rio Primario a Trieste, l'ormai consueto , a pag. 16 , "Com'era ...com'è", confronto fotografico a distanza di un secolo dei luoghi della Prima Guerra Mondiale ( e non solo) di Giuliano Bianchi.

A pag.24 un pezzo di Giampaolo Pansa sul Giorno del Ricordo sul comportamento spesso ignobile cui vennero sottoposti i profughi Giuliani e Dalmati da parte di una classe politica, la stessa che ora professa pace ed accoglienza verso i "nuovi profughi" ma che allora non esitò a buttare sui binari il latte destinato ai bambini che affrontarono il viaggio su freddi treni o sindacati che minacciarono scioperi generali se i treni di profughi ( e quelli erano profughi veri, non come quelli che vediamo oggi in Tv ...) si fossero fermati nelle stazioni per far rifocillare quella povera gente che aveva un'unica colpa : Essere ITALIANI !

Purtroppo anche questo numero lo chiudiamo con una brutta notizia : Ha appoggiato lo zaino a terra Nino Comin, Alpino della Monte Cervino, sopravissuto al soggiorno in quello che lui chiamava 2 il suo Hotel " , ovvero la Risiera di San Sabba dove, sul muro di una cella , si può ancora leggere la frase da lui incisa " Qui dormì Comin Nino Trieste - della 1A Cmp. Julia - disarmato a Fiume il 18 /IV/45 - arrivato a S.Sabba la sera del 21/IV/45 - uscito da queste mura il ..." , valido collaboratore di questo giornale, Corista e , permettetemi un anota personale, grande amico ! " Ciao Nino , el "sposin", come mi chiamavi tu nonostante fossero passati 11 anni dal mio matrimonio, te saluda"

Il numero di Gennaio è visualizzabile anche cliccando qui

Ultimo aggiornamento Domenica 17 Aprile 2016 08:50  

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna