www.anatrieste.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Pellegrinaggio cima Valderoa

Sabato 30 agosto 2014 la Sezione A.N.A.Trieste,rappresentata dal Presidente Fabio ORTOLANI con genti...

Esercitazione "Falzarego 2014"

Si è svolta in data 17 luglio l’annuale esercitazione di fine corsi organizzata dal Comando Truppe A...

No men left behind

Freedom  for the Italian Soldiers - We don't forget our Brothers !!

  • Pellegrinaggio cima Valderoa

    Mercoledì 10 Settembre 2014 07:25
  • Esercitazione "Falzarego 2014"

    Martedì 22 Luglio 2014 07:32
  • No men left behind

    Sabato 31 Marzo 2012 00:00
Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Alpin de Trieste ottobre 2017

E-mail Stampa PDF

E' online il numero di Ottobre de l'Alpin de Trieste

191ott17

A breve il riepilogo del numero di ottobre de "L'Alpin de Trieste"

 

 

 

 

 

Il numero di Ottobre  è visualizzabile anche cliccando qui

Ultimo aggiornamento Domenica 15 Ottobre 2017 14:41
 

Fiaccola Alpina della Fraternità 2017

E-mail Stampa PDF

il video tratto dal TG Regionale FVG sulla Fiaccola Alpina della Fraternità 2017  Dim lights Embed Embed this video on your site

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 02 Novembre 2017 10:30
 

Cima Valderoa 2017

E-mail Stampa PDF

In anteprima il video del pellegrinaggio delal Sezione ANA di Trieste in Cima Valderoa  video Dim lights Embed Embed this video on your site

 

 

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 02 Novembre 2017 10:26
 

Grigioverdi del Carso

E-mail Stampa PDF

10857840 805175979596674 1310893139176821352 n

L'Associazione  storico culturale "Grigioverdi del Carso" , nasce  nel 2005, dall'idea di alcuni appassionati della Grande Guerra di  riunire i vari gruppi di rievocazione del Isontino  e della zona Fogliano Redipuglia,   con lo scopo di  contribuire a livello sia turistico che culturale  al mantenimento della memoria e alla conoscenza  del principale fronte della Grande Guerra,  soffermandosi molto sulla vita del soldato in trincea sul Carso,  ossia quel settore del fronte Italiano-Austriaco  che nella memorialistica  sia italiana che austriaca  è definito un inferno sulla terra. 

Le attività svolta dall'associazione  sono in special modo  visite guidate con scolaresche ( sopratutto classi di 3^ media)   nel Parco tematico di Monfalcone , trincea Joffree, quota 85, quota 121;   Monte Se Busi,  Monte Cosich,  cioè tutta quella zona del Carso dove i combattimenti furono molto feroci  e intensi.  In più  i "Grigioverdi"  sono presenti in quasi tutti i comuni del Friuli,  e Veneto,  tutti i fine settimana dell'anno  per Cerimonie ai Caduti ,  per  campi didattici a tema ( con allestimenti di ospedali da campo,  postazioni di  sacchi di sabbia ,  posto comando  tutto sia del Regno d'Italia che del Impero asburgico)  ,  per  presenza nelle mostre ,   e varie altre attività culturale e storiche  riguardanti la Grande Guerra,  come anche  documentari e rievocazioni. 

La sede dell'associazione "Grigioverdi del Carso"  è a Ronchi dei Legionari, il presidente è  Andrea Ferletich , persona molto competente laureato in Storia contemporanea. 

Per informazioni  si può consultare la pagina FaceBook  "Grigioverdi del Carso"  e il Blog su Internet  " igrigioverdi. blogspot.it".

 

Alessandro Tandura

E-mail Stampa PDF

Alessandro-TanduraPochi mesi fa il comune di Paese (Treviso) ha cancellato il nome della via Palmiro Togliatti e l'ha ribattezzata via Alessandro Tandura, una Medaglia d'Oro al V.M. della Prima Guerra Mondiale.
Chi era costui?
Nato a Vittorio Veneto il 17 settembre 1893, basso di statura (diceva sempre di essere alto due centimetri più del Re!), ma di grandi sentimenti patriottici, Alessandro Tandura si arruolò volontario nell'Esercito Italiano, in fanteria, nel settembre del 1914. All'inizio di luglio 1915 in un combattimento sul Monte Podgora venne gravemente ferito ad un braccio. Pochi mesi dopo tentò di tornare al reparto, ma i medici lo rimandarono in ospedale, dove restò fino al maggio del 1916.
Tornato finalmente in servizio, frequentò il corso Aspiranti Ufficiali e divenne Sottotenente di Complemento. Ottenne la Medaglia di Bronzo la Valor Militare nella battaglia di Castagnevizza nell'estate del 1917.
Subì un nuovo ricovero in ospedale da dove uscì nel dicembre del 1917. Rinunciò ai sei mesi di convalescenza che gli erano stati prescritti, ma, a causa delle sue precarie condizioni di salute venne assegnato a compiti di retrovia, cosa che il suo ardente spirito gli impediva di accettare. Alla fine riusci a farsi assegnare al Reggimento d'Assalto "Fiamme Nere" con il quale partecipò valorosamente alle battaglie del Basso Piave benché non fossero ancora passati i postumo della recente malattia.
Durante un temporale nella notte tra il 9 ed il 10 agosto 1918, da un biplano scassatissimo e rabberciato alla meglio, si lanciò col paracadute nella zona di S. Martino di Colle Umberto (TV) dietro le linee nemiche per raccogliere informazioni sulla consistenza ed ubicazione delle truppe austro-germaniche. Da lì si trasferì rocambolescamente a raggiungere Vittorio Veneto, sede del comando della VI Armata austriaca, vivendo in una grotta.
Messosi in contatto con ufficiali italiani infiltrati in occasione di tentativi precedenti ed aiutato da familiari e conoscenti incluso un austriaco di etnia italiana addetto al Comando tappa di Vittorio Veneto, riuscì a raccogliere molte importanti informazioni da trasmettere al Comando Supremo tramite i piccioni viaggiatori che erano stati paracadutati assieme a lui in apposite gabiette.
Il gruppo di Tandura compì anche azioni di sabotaggio che contribuirono non poco alla successiva avanzata dei nostri soldati.
Per due volte fu catturato dagli Austriaci e sempre riuscì a fuggire. La seconda volta fuggì lanciandosi dal finestrino di un treno in corsa e finendo privo di sensi in fondo ad una scarpata. Ripresi i sensi dopo un paio di ore riuscì a mettersi in salvo rientrando nelle linee italiane.
Dopo la guerra, nel 1922 Tandura passò nel servizio permanente effettivo come ufficiale del 7º Rgt. Alpini e nel 1924 partì volontario per l'Africa Orientale (21° Btg. Indigeni eritreo-misto).
Nella sua carriera militare fece incetta di decorazioni:
- 2 Medaglie d'Oro al V.M.
- 4 Med. d'Argento al V.M.
- 3 Med. di Bronzo al V.M.
- 5 Croci al Merito di Guerra
- 1 Croix de Guerre belga
- 1 Med d'Arg. al Val. Civico
Morì a Mogadiscio il 29 dicembre 1937.


Così scrisse di lui il Capitano inglese Wedgwood Benn nel suo libro di memorie di guerra: "Non ho mai visto un uomo più coraggioso di questo piccolo (Alessandro Tandura non raggiungeva il metro e 60) soldato italiano, il più valoroso soldato del mondo".

Ultimo aggiornamento Sabato 22 Ottobre 2016 08:37
 

Pellegrinaggio in Albania 2017

E-mail Stampa PDF

 golico 23Mi è stato proposto di andare in Albania, cosa ci vuole, basta attraversare l’Adriatico e siamo arrivati.

Non è un viaggio di piacere organizzato da un tour operator, ma da amici che sono dei profondi conoscitori della campagna italiana in Grecia.

L’Albania ti accoglie con un territorio verde e ondulato e costruzioni fatiscenti o cementi armati completati a metà. Le strade statali sono come le nostre provinciali e puoi trovare un gregge che bruca a bordo strada, tante pecore e capre, asinelli e qualche bovino.

La foto che ti resta è quella di uno stato pre-boom economico.

Il programma è un po’ vago, di certo si sa di una salita sul Golico; per noi triestini il desiderio è salire sul Mali Spadarit e Mali Scindeli.

Al campo base siamo giunti per due vie, i più temerari scendendo lungo i Balcani, gli altri con il traghetto da Ancona.

A cena si organizzavano le uscite del giorno successivo. Ognuno aveva dei desideri. Chi raccontava le esperienze di guerra di papà o del nonno, chi aveva letto resoconti o raccolto testimonianze di reduci e voleva vedere “sul terreno”.

Il primo giorno tutti salgono, un po’ sbuffando, sul massiccio del Golico. Arrivati in cresta ti prende la sconforto a pensare dove si sono contrapposti italiani e greci, su un terreno senza protezioni con tanti sassi e ciuffi d’erba. A quota 1630 m s.l.m. su un masso c’è una lapide a ricordo. Serrati i ranghi, si svolge la cerimonia ufficiale, i vessilli al vento, una prece per i nostri padri e su di noi volteggia un’aquila.

Per il giorno successivo si formano tanti gruppetti con interessi diversi; noi troviamo chi ci segue sul Mali Spadarit. Il campo base è molto distante e la via che sembra più breve è su e giù per strade sterrate. E’ stata un’avventura, con l’aiuto di uno del posto e mille informazioni raccolte per strada all’ultimo momento ci troviamo sulla “Tomba degli Italiani”. Siamo a circa mezz’ora dalla cima ma per oggi non si può pretendere un risultato migliore. Un momento di raccoglimento, la preghiera dell’Alpino, un fiore e siamo giunti fin qui per ricordare la nostra M.O. Silvano Buffa. Gli amici esperti ci fanno i complimenti per aver raggiunto un grande obiettivo; ci spiegano che per trovare il percorso del giorno prima hanno impiegato cinque anni!

A proposito di Golico, il terzo giorno andiamo a quota 1150 m s.l.m. dove Padre Generoso aveva sepolto nostri soldati lasciando una relazione ben dettagliata, ma che dopo settant’anni si sono persi i punti di riferimento.

Ultima scarpinata, il quarto giorno si sale sul Mali Scindeli. Raggiunta la cresta, ci riuniamo sulla punta nord; per noi triestini è l’occasione per ricordare la nostra M.O. Nicolò Giani con una breve cerimonia, un fiore e una prece.

L’ultimo giorno in Albania è stato dedicato ad un giro turistico seguendo a ritroso la Voiussa fino al ponte di Perati. Troviamo solo le teste di ponte, sulla sponda albanese visitabile e percorribile, la sponda greca è invece fagocitata dalla vegetazione.

La giornata si conclude a tavola; dopo cena iniziano le partenze, i primi ci salutano alle 22.

All’indomani ci attende un lungo percorso attorno al Pindo e poi alla sera il traghetto.

 

Paolo Mazzaraco

 

Monte Ortigara - il Calvario degli Alpini

E-mail Stampa PDF

Monte Ortigara: il Calvario degli Alpini

10 – 29 giugno 1917

Genesi della Battaglia

 

25 Alpini in sosta sotto pendici OrtigaraLa “Süd Tirol Offensive” passata alla storia con il nome di “Strafexpedition”, sferrata nel maggio 1916 nel Trentino, aveva portato l’esercito austriaco su una nuova linea che, rispetto a quella precedente aveva raggiunto i margini meridionali dell’Altopiano dei Sette Comuni e più a sud Monte Cimone – Monte Priaforà nelle Prealpi Vicentine. Pur avendo contenuto l’impetuosa avanzata verso la pianura vicentina, l’esercito italiano dovette lasciare in mano agli austriaci una notevole porzione di territorio.

Le posizioni raggiunte dagli austriaci erano strategicamente importanti perché costituivano una eccellente base di partenza per giungere vittoriosamente nel cuore della pianura veneta e cogliere alle spalle il grosso dell’esercito italiano schierato sul fronte del Cadore e dell’ Isonzo, vibrando così un tremendo colpo al secolare nemico e costringerlo alla resa.

Dal punto di vista strategico l’Italia corse un gravissimo pericolo in quanto il nemico giunse a pochi chilometri dalla pianura veneta. Per il generale Cadorna si rendeva quindi necessario eliminare quella minaccia proveniente dall'Altopiano di Asiago recuperando le posizioni perdute nel 1916 durante la “Strafexpedition”.

Per mancanza di tempo non racconterò gli eventi che ci portarono alla famosa Battaglia dell'Ortigara svoltasi dal 10 al 29 giugno 1917 che viene ricordata nella memoria collettiva di chi la visse nelle proprie carni come “Il Calvario degli Alpini”.

 

La preparazione dell’azione.

 

Durante i mesi dell’anno nuovo vennero attuati, fino nei minimi particolari, tutti i preparativi tecnici, operativi e logistici per riprendere l’offensiva denominata con il nuovo nome “Difensiva Ipotesi Uno”, (tale denominazione aveva il fine di ingannare l’avversario sull’azione da svolgere). Lo sforzo organizzativo fu gigantesco poiché si trattava di mantenere in efficienza operativa e logistica circa 300.000 uomini della 6A Armata al comando del generale Ettore Mambretti.

L’offensiva prevista in un primo tempo ai primi di aprile, a causa dell’abbondante innevamento ancora esistente, dovette essere rinviata ai primi di giugno.

Su quell' accidentato Altopiano di difficile percorribilità, i soldati della 6A Armata provvidero a scavare posti comando, postazioni di artiglieria, osservatori e a costruire strade, acquedotti, ospedali da campo, teleferiche allo scopo di preparare in modo adeguato l’offensiva di primavera.

Anche l’avversario, durante il lungo e rigido inverno, dedicò gran parte delle sue energie a organizzare minuziosamente il terreno con lavori in roccia, costruzione di postazioni, trincee, osservatori, ricoveri per la truppa, posti medicazione, strade, teleferiche, acquedotti per il trasporto dell’acqua e predisposte linee arretrate di difesa. Lavori che aumentarono a dismisura la potenza di una linea di difesa già forte per natura.

In particolare nel tratto Passo dell’Agnella - Monte Ortigara - Monte Campigoletti l’avversario aveva scavato nella viva roccia trincee profonde circa m. 1,50 con parapetti costruiti con muretti a secco.

Ultimo aggiornamento Sabato 01 Luglio 2017 09:24
 



Previsioni meteo

Click per aprire http://www.ilmeteo.it

Statistiche

mod_vvisit_counterOggi491
mod_vvisit_counterQuesta settimana2901
mod_vvisit_counterQuesto mese12779
mod_vvisit_counterIn totale855315

Oggi : Nov 23, 2017
Banner
Banner